0
La conoscenza della natura applicata alla scienza
La conoscenza della natura
applicata alla scienza

Vitamina E

La vitamina E è una vitamina liposolubile presente in tanti alimenti e lo si trova in natura sottoforma otto forme chimiche divise in due categorie principali: tocoferolo e tocotrienolo.

La vitamina E è una vitamina liposolubile presente in tanti alimenti e lo si trova in natura sottoforma otto forme chimiche divise in due categorie principali: tocoferolo (alfa, beta, gamma e delta) e tocotrienolo (alfa, beta, gamma e delta), di cui l’alfa-tocoferolo è quella sintetizzata dal corpo umano. E' la più potente delle vitamine liposolubili, e la sua azione antiossidante protegge gli acidi grassi polinsaturi in fosfolipidi e lipoprteine plasmatiche, prevenendo i danni alle membrane cellulari. Questa importante vitamina viene assorbita dalla mucosa intestinale, grazie anche alla presenza di grassi inseriti con la dieta, e la sua presenza a livello intestinale favorisce anche l’assorbimento di altre vitamine, come la vitamina A, la vitamina C e quelle del gruppo B. La vitamina E i deteriora molto facilmente ed è molto sensibile alla cottura, in quanto il calore ne riduce sensibilmente la concentrazione. Nella alimentazione "moderna" poi, i prodotti eccessivamente raffinati risultano impoveriti di vitamina E, quindi sarebbe sempre meglio scegliere alimenti preferibilmente di stagione e/o provenienti da coltivazione biologica. Questa carenza che possiamo trovare a causa di squilibri soggettivi o dal sempre più scarso contenuto di sostanze micronutrienti di tanti alimenti che troviamo al supermercato, fa sì che si possa avere una reale carenza, che potrebbe indurre a problemi correlati di varia natura, essendo coinvolta in diversi meccanismi fisiologici  nel nostro corpo.Nel nostro organismo la vitamina E agisce principalmente  come un potente antiossidante, proteggendoci contro i danni prodotti dai radicali liberi e dalle tossine alimentari, dall'inquinamento, e dai raggi UV, che possono danneggiare le membrane cellulari costituite da acidi grassi e favorire l’insorgenza di malattie degenerative. Una vitamina che contrasta cosi gli effetti dell'invecchiamento cellulare, ed il suo potere antiossidante protegge la vista dai danni causati dall'età, in particolare dalla degenerazione maculare della retina (tipica dei soggetti anziani) e dalla formazione di cataratta, dove si ritiene che lo stress ossidativo possa avere un ruolo importante. Per questo motivo, una sua integrazione ha dimostrato negli studi in merito di essere molto utile nella prevenzione della degenerazione maculare. Ha inoltre una azione antinfiammatoria e di potenziamento del sistema immunitario, che contrasta la formazione di nitrosammine (sostanze cancerogene che si formano nello stomaco a partire dai nitriti presenti nel cibo). Diversi studi molto interessanti hanno dimostrato che la vitamina E abbia delle proprietà protettive nei confronti del sistema cardiovascolare, dove avrebbe una certa influenza nell'inibire l’ossidazione del colesterolo "cattivo" LDL ed avere una azione preventiva nei confronti dell'arteriosclerosi, ostacolando l’aggregazione piastrinica e quindi la formazione dei coaguli del sangue, svolgendo un’efficace azione vasodilatatrice (per la quale risulta indicata anche nei soggetti ipertesi) . Di recente è emerso che la vitamina E esplica una azione neuroprotettiva rispetto allo stress ossidativo, ritardando il declino cognitivo e prevenendo l’insorgere di malattie degenerative tipo il morbo di Alzheimer. Importantissima la sua azione nei confronti della pelle, che la vede utilizzata anche inserita nelle creme in campo dermocosmetico nei prodotti antirughe, idratanti e lenitivi per pelli irritate, secche, arrossate e disidratate. L'azione antiossidante della vitamina E nutre e protegge la pelle dall'azione dei radicali liberi che sono i principali responsabili dell'invecchiamento cutaneo e dei danni cellulari, ma anche previene dai danni dalla eccessiva esposizione ai raggi UV. Da tempo viene comunemente utilizzata nel campo sia ginecologico che dell'infertilità maschile. Per la donna contribuisce ad equilibrare il ciclo mestruale e riduce notevolmente i rischi di aborto. Nella fase di menopausa aiuta a migliorare i fastidiosi disturbi come vampate di calore e mal di testa. Per l'uomo invece importante l'azione antiossidante, in quanto svolge azione protettiva degli spermatozoi in quanto l'azione di contrasto verso i radicali liberi responsabili dei danni al DNA degli spermatozoi.

Dott. Gabriele Trapani
Direttore ricerca e sviluppo Yamamoto®
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK