0
La conoscenza della natura applicata alla scienza
La conoscenza della natura
applicata alla scienza

La trota fa bene: qualità nutrizionali e allevamento sostenibile

In Trentino Alto Adige l’allevamento della trota ha tradizioni secolari e già da molti anni si è puntato sul valore alimentare e decisamente sulla qualità dell’allevamento.

Regolarmente ne faccio scorpacciate quando vado in vacanza in Trentino Alto Adige dove l’importanza della troticoltura, favorita dall’ambiente ideale, costituisce il grosso della produzione nazionale e si distingue anche per i livelli di qualità. In questa regione l’allevamento della trota ha tradizioni secolari e già da molti anni si è puntato sul valore alimentare e decisamente sulla qualità dell’allevamento: acque fredde e ossigenate, tempi più lunghi di crescita senza forzature, minor densità e minor carico in allevamento, ma di conseguenza maggiore qualità e minor impatto ambientale. La sento spesso erroneamente considerata un pesce di “serie B” facilmente condizionata dalla tradizione gastronomica di un Paese mediterraneo come il nostro, dove è naturale la predilezione verso le specie di mare, oppure svalutata eccessivamente rispetto al suo “nobile” parente, il salmone (quando se ne dovrebbe stare ben alla larga se non consumato “wild caught”!). La cara trota dovrebbe essere più valutata come merita visto il suo piano nutrizionale di tutto rispetto delle sue carni dall’ottima digeribilità e dal discreto profilo proteico (intorno al 20%) e pur essendo mediamente ricche di grassi (circa 6 gr su 100), presentano un ottimo contenuto di Omega 3, circa 800 milligrammi ogni 100 grammi. L’apporto di minerali come lo zinco, il ferro, il fosforo e lo iodio è pure interessante. Non da sottovalutare pure il profilo sicurezza, infatti negli anni recenti non si sono fatte registrare segnalazioni di infestazioni o contaminazioni (più facili nel pescato di mare). Sulle contaminazioni delle carni del salmone invece ci sarebbe tanto da dire, e se parliamo di quello allevato poi...Come per altre produzioni, per di più, anche per gli allevamenti di trote è possibile ottenere la certificazione biologica, qualifica non frequente parlando di itticoltura. Per chi vuol stare a “dieta”, per chi vuole “nutrirsi” con un ottimo alimento con un piatto semplice ma gustoso e versatile.

Dott. Gabriele Trapani
Direttore ricerca e sviluppo Yamamoto®
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK